Condividi l'articolo nel tuo Social preferito
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Quanto sei bravo a fare lead generation con LinkedIn? Scopri qual è il tuo Social Selling Index sul social network più professionale del web. Ti può essere molto utile

Sai trovare il tuo target, fare branding e lead nurturing usando il social network più professionale del web? In una parola: sai fare lead generation con LinkedIn?

Per scoprire se e quanto sei bravo ad ottenere contatti qualificati grazie al social media di Microsoft, da oggi basta sapere qual è il proprio Social Selling Index (SSI).

Ma prima, facciamo un piccolo passo indietro.

Alzi la mano chi non ha un profilo su LinkedIn. Tu? Allora, per prima cosa, devi correre ai ripare e creare subito un tuo profilo professionale. Farlo è semplicissimo e completamente gratuito (come per tutti gli altri social media) ma è fondamentale.

Perché LinkedIn non è il classico social che utilizzi per condividere pensieri, foto di gattini o barzellette. E’ uno strumento pensato proprio per professionisti e manager per lo sviluppo di contatti professionali. Contatti professionali. Cioè potenziali nuovi clienti, potenziali nuovi fornitori o semplicemente nuove opportunità professionali.

Per questo, prima di tornare al nostro Social Selling Index di cui voglio parlarti oggi, ti faccio una sola (ma importantissima) raccomandazione.

Se non hai ancora un profilo su LinkedIn prenditi qualche minuto per crearne uno. Fallo con cura, senza tralasciare esperienze professionali, studi o riconoscimenti che hai ottenuto. Quanto più il tuo profilo sarà completo, tanto più le chance di ottenere lead saranno elevate.

Ah, un’altra cosa: su LinkedIn lascia perdere gattini e barzellette, ma posta solo notizie, articoli e riflessioni professionali che riguardano il tuo business o il tuo settore.

Che cosa è il Social Selling Index

Social Selling Index

 

Il tuo Social Selling Index su LinkedIn, lo dice la parola stessa, è la capacità di vendere il tuo brand sui social.

Già, perché quello che hai su LinkedIn non è solo un profilo, ma è il tuo brand. Su questo social non conta con chi sei sposato, se convivi o con chi. Conta che lavoro fai, dove lavori e chi sono i tuoi contatti professionali. Perché i tuoi contatti professionali sono i tuoi lead. E, soprattutto, dai tuoi contatti professionali puoi ottenere nuovi lead, nuovi contatti qualificati.

Per scoprire se e quanto sei bravo a vendere il tuo brand su LinkedIn, il sistema stesso del social network, da qualche tempo, ha messo a tua disposizione uno strumento molto prezioso. E’ la dashboard che analizza il tuo Social Selling Index (SSI).

La dashborad, abbastanza semplice e intuitiva ci offre immediatamente 4 punteggi per misurare (in 25esimi) il nostro SSI:
  • Creare il tuo brand professionale
  • Trovare le persone giuste
  • Interagire con informazioni rilevanti
  • Costruire relazioni
Ognuno di questi punteggi viene calcolato giornalmente dal sistema in base alla tua attività sul social netwrok e a quella dei tuoi contatti professionali. Più ci si avvicina allo standard stabilito da Linkedin per un utilizzo ottimale (25), tanto più il tuo Social Selling Index (espresso in percentuale) aumenterà.
Come puoi notare, si tratta di informazioni essenziali se si vuole fare lead generation con Linkedin perché, di fatto, analizzano la nostra capacità di individuare il target di riferimento per il nostro busienss, la qualità dei nostri contenuti e la nostra capacità di interessare e coltivare il nostro pubblico di potenziali clienti. In sostanza, 4 dei cardini su cui si fonda l’intero processo di lead generation.
Non è tutto: se scorri la pagina verso il basso, troverai anche altre info come i professionisti del tuo settore attivi e il loro SSI medio e il social selling index delle persone nella tua rete professionale (e nel tuo settore).

Da Social Selling index a Sales Navigator

sales navigator lead generation linkedin

Naturalmente, nessuno fa niente per niente… E LinkedIn men che meno. Infatti il social selling index è solo una delle funzioni che fa parte di una soluzione più ampia (e a pagamento) che si chiama Sales Navigator. I vari piani premium (carriera, business, vendita, assunzioni) partono da circa 26 euro al mese in su.

Sales Navigator è un servizio riservato agli utenti premium (con possibilità di un mese prova gratuito) che permette di entrare direttamente in contatto con i decision maker delle aziende e di visualizzare diversi insight che possono essere molto utili al tuo business. Altro che le vecchie telefonate a freddo dove ti facevi passare il responsabile senza sapere nemmeno chi fosse… Si tratta di un sistema per fare lead generation con Linkedin

Avere la chance di entrare in contatto diretto con i decision maker di altre aziende ti può dare un’enorme vantaggio sui tuoi competitors e non sto parlando solo di eventuali contatti professionali comuni nelle due reti, ma della possibilità di conoscere l’intera carriera professionale e scolastica di quelli che potrebbero diventare i tuoi prossimi nuovi clienti.

A questo punto hai tutti gli strumenti che ti servono per applicare il tuo funnel e convertire il decision maker in un lead. O meglio, hai i tools per farlo, ma ricordati che Sales Navigator così come altri strumneti utili a fare web marketing, social media marketing e ottenere contatti qualificati sono utili solo e soltanto se hai una strategia per utilizzarli al meglio.

Non si tratta solo di definire l’obiettivo finale: ottenere nuovi clienti, ma di tutte le fasi necessarie a raggiungerlo: dalla definizione del target in poi, passando per tutte le attività di branding e lead nurturing utili a coltivarlo fino alla sua definitiva trasformazione  da contatto qualificato in cliente fidelizzato.

Infatti, per quanto importanti, i dati che la dashorboard del social sellin g index ci fornisce non sono che il punto di partenza. Conoscere il loro valore conta molto, ma la cosa essezniale è mettere in campo tutte le azioni necessarie a migliorare tutti i dati che compongono l’indice.

E per fare questo, non basterà certo condividere qualche articolo interessante, mandare richieste di contatto o aggiungere qualche pollice alzato qua e là per consigliare contenuti.

Perché il punto non è diventare un utente modello, ma fare lead generation con LinkedIn. E per riuscirci serve una strategia di web marketing


Condividi l'articolo nel tuo Social preferito
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •